24-07-2020

LA CLIMATIZZAZIONE ENTRA IN PIENO NELLE PRATICHE ANTINCENDIO

Lo scorso 22 Luglio i Vigili del Fuoco hanno emanato una circolare in cui si specifica l'impatto dell'utilizzo dei gas A2L all'interno delle attività soggette alle procedure di prevenzione incendi.

Ricordando che il decreto 10 marzo 2020:

  *  consente la possibilità di utilizzo dei gas A2L;

  *  ribadisce che la progettazione, l' installazione, l'esercizio e la manutenzione degli impianti deve essere fatta a regola d 'arte, quindi rispettando le regole e le norme applicabili;

  *  ribadisce che gli impianti di climatizzazione e condizionamento sono impianti rilevanti ai fini della sicurezza antincendi,

la nuova circolare (n. 9833 del 22 luglio 2020) chiarisce, e per ASSOFRIGORISTI è una conferma, che la possibilità dell'impiego di fluidi classificati A1 o A2L consente di installare, sempre nel rispetto dei requisiti di sicurezza previsti dalla regola dell'arte (la serie UNI EN 378), unità interne collegate a circuiti contenenti anche i predetti fluidi.

Il riferimento è, chiaramente, rivolto in maniera espressa agli impianti ad espansione diretta, tra cui anche – e soprattutto - gli impianti VRF - Variable Refrigerant Flow. E’ di pochi giorni fa, infatti, la notizia dell’immissione sul mercato di unità ad R32, che dovranno rispettare tutti i requisiti suddetti.

Nello specifico, la circolare chiarisce anche quale tipo di documentazione presentare in caso di valutazione progetto da sottoporre ai VVF e in caso si segnalazione certificata di inizio attività (SCIA), e conclude, infine, con un punto importantissimo: "[...] l'eventuale riconversione degli impianti con fluidi A2L è considerata, invece, una modifica rilevante ai fini della sicurezza antincendio [...]"

Per cui, prima di installare una macchina con A2L in un'attività, il titolare dell'attività dovrà avvalersi di un tecnico competente in prevenzione incendi al fine di una corretta valutazione preliminare dell'intervento.

Concludendo:

-  Occorrerà informare con cura l’Operatore delle nuove e più marcate attenzioni da rivolgere alle forniture di climatizzazione;

-  la professionalità e le relazioni dei frigotecnici dovranno arricchirsi di nuove competenze, pena la ridda di possibili provvedimenti ostativi preliminari o sanzioni a valle.

La circolare è disponibile nella sezione "normativa" del portale.

La Direzione